Quartieri di Granada: Quali Visitare e Cosa Vedere 2022

Vuoi sapere quali sono i quartieri di Granada che vale la pena visitare

Dopo aver vissuto in Andalusia e aver visitato Granada più volte per lavoro, ho deciso di scrivere questa guida approfondita, per aiutare chi visita la città per la prima volta, a pianificare un viaggio perfetto. 

Ecco cosa scoprirai:

  • Quali sono i quartieri storici di Granada.
  • Quali quartieri visitiare a Granada
  • Mappa dei quartieri di Granada
  • Info sul quartiere ebraico di Granada e su quello arabo 
  • Quali sono i quartieri pericolosi che è meglio evitare a Granada

Sei pronta/o a visitare Granada e scoprire i suoi pittoreschi quartieri? Iniziamo!

Quartieri da Visitare a Granada – con Mappa

Albayzin: Cosa vedere nel quartiere arabo di Granada

L’Albaicin (o Albayzín) è il quartiere più antico di Granada. Il quartiere nasce intorno al IX secolo con l’arrivo prima della famiglia araba degli Ziridí e poi con i Nasridi.

Viste le sue origini, l’Albaicin è famoso per essere l’antico quartiere arabo di Granada.

Ovviamente è uno dei quartieri da visitare a Granada più interessanti in assoluto. Il motivo?

Pensa che nel 1984 tutto il quartiere è stato dichiarato dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.

L’Albaicin è caratterizzato da stradine antichissime che si intrecciano tra di loro come in un labirinto, i carmenes (cioè le abitazioni nobiliari arabe separate dalle altre tramite un patio) stupendi giardini esotici e ovviamente architettura con motivi tipici dell’era moresca.

Oltre a questo, da molti punti dell’Albayzin potrai godere di una vista spettacolare sull’Alhambra e sulla catena montuosa della Sierra Nevada.

quartiere albaicin a Granada

Cosa vedere nel quartiere Albaicín di Granada?

  • Il Palacio Dar al Horra: uno dei più importanti palazzi dell’epoca Nasride. Appartenuto alla madre dell’ultimo sultano di Granada, Boabdil. Posizione su Maps
  • Paseo de los Tristes: Una delle vie più famose di Granada. Una via ricca di bar, tapas bar e ristoranti in cui potrai assaggiare qualche tapas con vista sull’Alhambra e con una piacevole ombra data dalla presenza di alberi secolari lungo il tragitto. Posizione su Maps
  • El Bañuelo: uno dei pochissimi hammam (bagni arabi) sopravvissuti alla “reconquista” cristiana. Questi bagni pubblici si sono conservati incredibilmente bene. Potrai visitarli a soli 5€ insieme ad altre 3 attrazioni. Posizione su Maps
  • Mirador San Nicolas: il mirador San Nicolas è la terrazza panoramica più famosa della città. Ti permetterà di avere una vista pazzesca sull’Alhambra con la Sierra Nevada a fare da sfondo. Una vista stupefacente, da visitare poco prima del tramonto o all’alba.
  • Palacio de los Olvidados: Il palazzo ospita un museo a dir poco “raccapricciante”. Una incredibile collezione di strumenti di tortura utilizzati dalla Santa Inquisizione, consigliato ai curiosi e agli amanti del brivido. Qui trovi i biglietti.
  • Calle de las Teterias: pittoresca stradina tempestata di “teterias” cioè tipiche case arabe del tè. Potrai assaggiare dell’ottimo tè arabo con la compagnia di un buon narghilè. È una delle cose più tipiche che potrai fare a Granada. Posizione su Maps
Vuoi saperne di più sul quartiere Albaicin? Leggi il mio articolo approfondito al riguardo: Cosa vedere nel quartiere Albaicín di Granada

Sacromonte: Cosa vedere nel quartiere gitano di Granada

Un altro dei quartieri da visitare a Granada è Barrio del Sacromonte, particolarmente popolare per essere stato il quartiere gitano della città.

Il barrio dopo la riconquista cristiana era già abitato dai musulmani e dagli ebrei che vennero cacciati dalla città.

Poi nel 17esimo secolo, quando il popolo zingaro venne congedato dal suo operato con i re spagnoli, vennero emarginati e confinati fuori dalle mura cittadine, per questo si trasferirono nel promontorio conosciuto come Sacromonte.

Oggi questo pittoresco barrio, è una vera e propria attrazione turistica.

Vuoi sapere il perché?

Le abitazioni del Sacromonte, in cui hanno vissuto insieme arabi, ebrei e gitani sono delle caverne naturali scavate nella roccia. Una caratteristica unica al mondo.

Oltre a questo, fu proprio nel Sacromonte che si sviluppò il flamenco granadino.

quartiere del sacromonte a granada

Quindi quali sono i punti di interesse migliori?

  • Museo Cuevas del Sacromonte: Un museo composto da 10 case-caverna in cui conoscerai gli usi, i costumi e le abitudini degli antichi abitanti del Sacromonte. Posizione su Maps
  • L’Abbazia del Sacromonte: Un tempio religioso le cui origini risalgono al 1595, anno in cui vennero ritrovate le reliquie di San Cecilio. Dispone di una delle terrazze panoramiche più belle di Granada. All’interno è molto interessante sia il chiostro che il museo con quadri di Goya. Posizione su Google Maps
  • Spettacolo di flamenco: non puoi visitare il sacromonte senza partecipare ad almeno uno spettacolo di flamenco. Fa parte delle radici e delle tradizioni di questo pittoresco quartiere. Lo spettacolo che ti consiglio è questo organizzato nella Cuevas lo Tarantos.
Vuoi approfondire la conoscenza del Sacromonte? Ecco un mio articolo approfondito: Sacromonte Granda - Cosa vedere, cosa fare, dove mangiare

Centro storico di Granada: Tra i migliori quartieri da visitare a Granada

Il centro città di Granada è uno dei più belli e preziosi dell’Andalusia.

Buona parte del suo patrimonio artistico e architettonico è formato dalla idilliaca “fortezza rossa”dell’Alhambra che in pratica è l’attrazione turistica più visitata della nazione (quasi 3 milioni di visitatori l’anno).

E l’incredibile patrimonio architettonico moresco, ancora oggi osservabile in molti dei “carmenes” presenti in centro.

centro storico di Granada

Quali sono le attrazioni turistiche del centro storico di Granada?

  • La Cattedrale di Granada e la Cappella Reale: La celebre Cattedrale di Granada venne costruita dopo la resa dell’ultimo sultano arabo, Boabdil. Venne distrutta l’antica moschea e sulle sue rovine iniziarono i lavori di una grandiosa cattedrale. L’idea iniziale prevedeva ben 2 torri campanarie da 81 metri. Ma alla fine venne costruita una singola torre da 50 e ben 15 cappelle. Nella Capilla Real invece trovi i sepolcri dei Re Cattolici del periodo post arabo. Posizione su Maps
  • La Madraza de Granada: un’antica scuola musulmana fondata nel 1349 da Yusuf I dei Nasridi. Oggi ospita un polo dell’Università di Granada e dal 2011 è aperto al pubblico per la visita. Posizione su Maps
  • La Alcaicería: si tratta dell’antico mercato della seta. In passato era molto più esteso ed era protetto da portoni e guardie. Oggi è formato da una sola stradine. L’Alcaicería è uno dei mercati più pittoreschi che avrai modo di visitare in Andalusia. All’interno potrai comprare tanti prodotti filoarabi, come le stupende lampade granadine, oggetti intarsiati e spezie. Posizione su Maps
  • Corral del Carbón: un antico “hotel” e osteria che fungeva anche da deposito per i mercanti che poi vendevano o scambiavano le proprie merci presso il mercato Alcaicería. Posizione su Maps
  • Plaza Isabel la Católica e Plaza Bib-Rambla: 2 delle piazze più famose di Granada.
  • Museo San Juan de Dios: San Juan è uno dei santi più amati di Granada. Questo grazie alla sua opera di carità verso i poveri e gli ammalati. Nella casa appartenuta alla famiglia dei Pisa, oggi sorge un museo a lui dedicato. All’interno trovi oggetti a lui appartenuti, la stanza in cui morì, e tanto altro. Posizione su Maps

Il centro storico di Granada, non essendo molto esteso, è facilmente visitabile a piedi.

A mio avviso per chi visita la città per la prima volta, è la zona migliore in cui alloggiare.

Realejo, il quartiere ebraico di Granada

Ai piedi dell’Alhambra, sorge il quartiere di Realejo, zona che fa parte del centro storico di Granada.

Realejo è famoso per essere l’antico quartiere ebraico di Granada. Oltre a questo Realejo è una delle zone migliori per quanto riguarda la nightlife e i tapas bar.

Realejo il quartiere ebraico di Granada

Cosa fare e vedere nel quartiere Realejo?

  • Casa de los Tiros: un importante edificio rinascimentale del 16esimo secolo che oggi ospita un interessante museo, al suo interno trovi stupende sculture barocche, raffinate ceramiche di Fajalauza e un’elegante collezione di mobili del 19esimo secolo. Posizione su Maps
  • Carmen de los Martires: uno dei carmen più importanti di Granada. Un’antica casa nobiliare che include anche un enorme giardino oggi trasformato in parco pubblico. Il pittoresco giardino in stile romantico inglese e francese è ottimo per un pausa o picnic. Posizione su Maps
  • Plaza Isabel la Catolica: oltre ad essere un’importante piazza storica, è una delle zone migliori per quanto riguarda la vita notturna granadina. Posizione su Maps

Quali sono i quartieri pericolosi di Granada?

Visitare Granada in genere è molto sicuro. Ma come in ogni posto turistico purtroppo anche in questa città si è sviluppata la micro criminalità. Quindi bisogna stare attenti per lo più ai borseggiatori che si infiltrano nelle zone turistiche più affollate.

Di notte invece, è meglio non avventurarsi da soli nelle strade più buie del Sacromonte e del quartiere Chana.

Lascia un commento